Dolomites


Entra

Da sempre, la bellezza delle Dolomiti ha affascinato poeti, architetti e alpinisti, incantandoli con le loro pareti verticali, le loro guglie frastagliate e i loro colori, un ventaglio cromatico che le rocce calcaree riflettono all'alba e, soprattutto, al tramonto. Goethe, Le Corbusier, Messner sono solo alcuni nomi famosi che sui "Monti Pallidi" hanno lasciato il proprio cuore e la cui opera è stata fortemente influenzata da questa catena montuosa. Nel giugno del 2009 durante il congresso di Siviglia, l’UNESCO ha attribuito alle Dolomiti il titolo di Patrimonio Mondiale dell’Umanità facendole entrare nell’elenco dei 200 paesaggi naturali più affascinanti al mondo.

In questo scenario naturale che circonda il massiccio del Sella, il gruppo del Sassolungo, lo Sciliar, il Sassongher, il Pelmo, il Civetta e la Marmolada si sviluppano numerosi percorsi per la pratica della mountain bike e in particolare qui nasce e vive ogni estate la Südtirol Sellaronda HERO, competizione che unisce quattro valli e cinque comprensori dolomitici in un circuito spettacolare e dal fascino irresistibile. La Val Gardena, l’Alta Badia, Arabba, la Val di Fassa e l’altipiano dell’Alpe di Siusi sono, per gli appassionati della mountain bike, un palcoscenico naturale unico al mondo, impreziosito da numerosi rifugi alpini che offrono deliziose specialità locali.

Scopri le valli

Val Gardena

Val Gardena

La Val Gardena è una delle cinque valli ladine delle Dolomiti dove, da duemila anni, si parla il Ladino, lingua le cui radici fondano nella fusione tra il Retico e il Latino. Per secoli valle a economia prettamente agricola, nel seicento scopre la propria vocazione artistica e nel corso dei decenni seguenti, molte famiglie gardenesi da agricoltori diventano intagliatori, scultori, falegnami artistici, pittori e indoratori. I prodotti in legno della Val Gardena trovano così un mercato fiorente che valica i confini dell’Europa.

Tuttavia, una ancor più vasta notorietà la Val Gardena la raggiunge con l'avvento del turismo a cavallo tra l’ottocento e il novecento: una naturale ospitalità alimentata dalle innumerevoli possibilità alpinistiche ed escursionistiche, porta nuovo lavoro e ancora più benessere in valle. Oggi la Val Gardena è una delle mete turistiche invernali più gettonate del mondo, con alle spalle anche una grande tradizione sportiva. Infatti, nel 1970 si sono svolti qui i Campionati del Mondo di sci alpino, nel 1981 il Campionato del Mondo di hockey su ghiaccio gruppo B e dal 1972 è sede di Coppa del Mondo di sci alpino con la discesa libera e il super G sulla pista Saslong.

Come Arrivare

Alta Badia

Alta Badia

L'Alta Badia è l’area turistica nella parte meridionale della Val Badia, anch'essa facente parte del mondo ladino delle Dolomiti. Corvara, Badia e La Villa sono i tre comuni presenti sul territorio dell'Alta Badia e che negli ultimi decenni è diventata una destinazione rinomata e molto frequentata a livello internazionale. Come molte altre aree ai piedi delle Dolomiti, anche l'Alta Badia ha un passato agricolo costellato di numerose difficoltà per via dell'alta quota e del clima alpino, e i pochi campi su pendii scoscesi non consentivano grandi raccolti. Le vette dolomitiche e le alte vie che circondano i paesi dell'Alta Badia sono state la grande attrazione che ha dato il via all'economia turistica alla fine del novecento.

Specialmente nel secondo dopoguerra, il turismo, e in particolare quello invernale, ha lentamente preso il posto dell'agricoltura, diventando nei decenni il ramo economico più importante del territorio. In Alta Badia, nel 1947 entrò in funzione sul Col Alt la prima seggiovia collaudata in Italia. Tuttavia, nonostante il “progresso” tutta la Val Badia ha mantenuto un settore agricolo molto forte, ben sinergico con il turismo e con l'artigianato locale, e grazie a questo il paesaggio estivo rimane vivo, coltivato e naturale. La vocazione sportiva dell'Alta Badia si riflette nella lunga tradizione in Coppa del Mondo di sci alpino con il gigante sulla pista Gran Risa a La Villa.

Come Arrivare

Arabba

Arabba

Fodom, la valle di Livinallongo, alla cui estremità settentrionale si trova il paese di Arabba, è un'altra delle cinque valli ladine delle Dolomiti. Ha fatto parte del Tirolo austroungarico per secoli fino a quando, dopo la Prima Guerra mondiale, il territorio è passato all'Italia. Il gruppo del Sella, massiccio centrale delle Dolomiti, sovrasta maestoso la località, che fino a pochi decenni fa era un paesino sperduto tra le montagne, ma che, con l'avvento del turismo invernale, si è ritrovato in una posizione strategica, essendo direttamente sul famoso giro sciistico Sellaronda.

Livinallongo è forse stata la vallata ladina più povera nella storia recente del nostro Paese: povertà che ha raggiunto il suo culmine durante e dopo la Prima Guerra mondiale, poiché il fronte tra Austria e Italia passava proprio attraverso questa valle, costringendo all'emigrazione gran parte della popolazione. Accanto al turismo, che in estate offre possibilità ciclistiche su strada con il Passo Pordoi e alpinistiche con le numerose vie ferrate nelle vicinanze, Arabba e dintorni rimangono anche ambiente agricolo montano improntato sulla produzione di latte e di pregiati formaggi alpini.

Come Arrivare

Val di Fassa

Val di Fassa

La Val di Fassa è una delle quattro valli ladine che si diramano dalle pendici del Sella in diverse direzioni. Topograficamente è la naturale prosecuzione della Val di Fiemme e conta sette comuni. Fascia, questo il nome in ladino, ha fatto parte del Tirolo austroungarico per secoli fino a quando, al termine della Grande Guerra è diventato territorio italiano, e oggi la sola valle ladina che fa parte della Provincia di Trento.

Passando per la valle si notano le case dai colori vivaci, arricchite da pitture ornamentali e allegoriche: una eredità storica della tradizione fassana dei pittori itineranti. Per sfuggire alla povertà che caratterizzava la valle nel XIX secolo, infatti, i pittori di Fassa partivano alla volta dell'Europa per offrire i propri servizi, decorando e dipingendo case, palazzi, chiese in tutto il continente. Anche la Val di Fassa ha trovato la sua vocazione economica più recente nel turismo, sia estivo che invernale.

Come Arrivare

Alpe di Siusi

Alpe di Siusi

Si tratta di un altipiano alpestre situato tra la Val di Fassa e la Val Gardena e fa parte della Provincia di Bolzano.  Con i suoi 57 chilometri quadrati di estensione è reputato l’altipiano alpino più grande d'Europa e si sviluppa tra i 1680 e i 2350 metri sul livello del mare. Si tratta di vasti prati e alpeggi serviti da innumerevoli piccole baite e fienili, che rendono il paesaggio unico e interessante. L'alpe è circondata da montagne note come il Sassolungo, il Sassopiatto, lo Sciliar ed è raggiungibile su strada da Siusi e via cabinovia da Siusi e da Ortisei. Se un tempo l'Alpe di Siusi aveva una grande importanza agricola, con oltre 4.000 braccianti all'opera durante l'estate, oggi è un paradiso per escursionisti e famiglie che trovano tracciati e sentieri alla portata di tutti. Negli ultimi anni, poi, l’Alpe di Siusi ha scoperto una forte vocazione per il mondo del podismo: sempre più amanti della corsa off-road e numerosi maratoneti professionisti trascorrono periodi di allenamento in quota a Compaccio. In inverno l’Alpe è il posto ideale per chi ama sciare su piste accessibili, praticare sci di fondo e scoprire la natura con le racchette da neve.

Come Arrivare
  • Val Gardena
  • Alta Badia
  • Arabba
  • Val di Fassa
  • Alpe di Siusi
© 2015 Associazione sportiva Sellaronda HERO | P. IVA 02683860213